De Bello Gallico (I) – Introduzione

In meno di dieci anni di guerra per la conquista della Gallia, prese più di ottocento città, sottomise trecento popoli diversi, combattè contro tre milioni di uomini: un milione ne uccise e altrettanti ne catturò.

Parola di Plutarco. Ovviamente il soggetto è Cesare.

Come ho detto, pian piano sto rivalutando Cesare. Sta diventando un eroe – mai quanto Silla però, giammai! – , dunque dedicherò una bella serie di articoli al suo capolavoro, il de Bello Gallico. Okay, non sembra un’idea originale. Lo scopo di questa impensabile mole di lavoro che mi propongo è di contestualizzare. La maggiore difficoltà che incontrai leggendo l’opera a suo tempo, anni fa, fu capire dove si svolgessero le azioni militari e cosa c’entrasse la politica in tutto ciò. Il rischio che una ragazzetta come me corre nel leggere direttamente la fonte è di prendere tutto come se fosse una cosa a sè stante. Infatti, il resoconto che fanno studiare a scuola è pressappoco questo: Silla dittatore. Silla muore nel 78 a.C. Un po’ di tempo dopo un giovane Cesare torna dal governatorato delle Spagne, si allea con Pompeo e Crasso, Primo Triumvirato, parte per la Gallia. Fine della politica. Dal 58 al 51 c’è la guerra, il centro del mondo è con Cesare. E qui il primo grande pastrocchio: cosa succede a Roma? Che fanno gli altri triumviri? Rimangono a bocca aperta mentre noi guardiamo Cesare? Poi la telecamera, sempre fedelmente puntata sul divo Giulio, lo osserva prendere le sue legioni, attraversare il Rubicone senza alcun motivo apparente e spaventare a morte Pompeo da ottocento chilometri di distanza, con cinquemila soldati, mentre ci viene detto che Pompeo ne ha cinquantacinquemila. Pompeo fugge in Grecia, Cesare lo batte, poi Cesare va in Africa nonsisaperchè, non ci viene detto che fa, poi va in Spagna, combatte Qualcuno e lo vince a Munda.

Notato niente? Pompeo che fine ha fatto? È morto? È fuggito? Non lo sapremo mai… se non leggeremo qualcosa apposta. Tipo il de Bello Civili.

Dunque, il livello medio dei prossimi articoli storici sarà calibrato per quei disperati, come me, che hanno studiato sui libri di squola, al liceo, e hanno sentito puzza di bruciato. Coadiuvata da puntuali citazioni dal de Bello Gallico e dai chiarimenti di carattere militare forniti dalla Maggica Collana Osprey in mio possesso, cercherò di rispondere a qualche Perchè.

Il piano dell’opera è il seguente: ogni articolo storico sarà dedicato ad un Libro dell’opera; ce ne sono otto: sette di pugno cesariano, l’ultimo da parte di Aulo Irzio, luogotenente appassionato di letteratura che cercò di imitare lo stile incalzante del Maestro – fallendo miseramente, peraltro. Citazioni frequenti, come ho detto. Cartine. Forse, se mi accorgerò di dovermi fermare a spiegare qualcosa di importante perchè tutti possano comprendermi, farò uno specchietto per non perdere il filo del discorso.

Ricordatevi che non faccio articoli in stile wikipedia: le cose che dico le so di mio e non sempre mi ricordo dove le abbia lette, quindi non sarò fiscale. Poche date, soprattutto. Badate ai fatti. ^_^

Ho già un quaderno semipieno di appunti, la scrivania è imbandita di atlanti storici aperti alla pagina giusta, il de Bello Gallico è orrendamente costellato di post-it. Impazzirò, lo so, ma verrà fuori qualcosa di intelligente!

Advertisements

3 thoughts on “De Bello Gallico (I) – Introduzione

    • La prospettiva sarà decisamente militare. Sono in vena di descrivere qualche bel massacro (già me li sogno)… ho l’imbarazzo della scelta, con Cesare! La politica non dovrebbe richiedere molto spazio. Qui darò solo un’idea di cosa stesse succedendo a Roma mentre gli occhi erano puntati sulla Gallia.
      La parte interessante da sviluppare è quella sulle macchine d’assedio: Cesare non faceva un passo senza *sospiro di adorazione*, e lì scatenerò il putiferio. ^_^

      Mi piace

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...