Compito per casa

Ho appena ripescato con nostalgia un mio compito di Epica dell’anno scorso – primo liceo scientifico – sull’episodio dell’Iliade che vede Andromaca pregare invano Ettore di restare con lei e il figlio, invece di farsi macellare da Achille.

Giusto per fare un po’ di autocelebrazione (ma soprattutto, ai miei occhi, perchè mi fa piacere riportare a galla i ricordi), lo riporto.

“Ettore decide di non ascoltare le parole di Andromaca: il suo comportamento è dettato dall’egoismo e dal desiderio di gloria o da altri sentimenti? Argomenta opportunamente la tua risposta.”

 A mio avviso, il comportamento di Ettore è dettato da egoismo e fama di gloria allo stato puro. Posso riassumere le mie motivazioni in una sola domanda: che gloria c’è a lasciare morire degli indifesi senza dar loro neanche la possibilità di cercare di salvarsi la vita? Che diritto ha Ettore di privare i compatrioti della sua guida? Lui non ha la responsabilità solo di se stesso, ma di ogni uomo, donna o bambino presente a Troia, e li condanna personalmente a morte. Tanto valeva, allora, consegnare la città non appena fossero giunti i Greci, dieci anni prima; almeno ci sarebbero stati meno morti. Certo, è difficile scegliere tra vita e libertà, ma in fondo si è schiavi solo quando ci si convince di esserlo.

Come può Ettore guardare negli occhi sua moglie e i suoi soldati, sapendo che li sta consegnando al destino peggiore che potranno mai patire? Forse pensa di sacrificarsi per chissà quale nobile ideale. Io dico che l’unico sacrificio valido è quello fatto da un punto di vista razionale: ci si sacrifica per far sì che un nostro caro continui la sua vita, ad esempio, e non di fronte alla prospettiva di una gloria imperitura. Per far questo, o si deve essere sadicamente coraggiosi, o assurdamente sciocchi.

Per amore di qualcuno – se non della propria sposa, almeno dei figli – si rinuncia a tutto, anche alla gloria.

Si può guardare il proprio figlio e desiderare che soffra, per sé e per i propri genitori? Io penso di no. Solo una visione superficiale della vita – che equivale a stoltezza – o, come ho detto, una forma di pazzia possono portare a questo.

Tutto, ma non la ragione, la razionalità, il senso di giustizia e di amore. Il sacrificio di se stessi per un ideale diverso da questi è pura e mera follia, e può venire solo da un profondo disprezzo per il genere umano e la vita.

Ettore è morto invano, e centinaia – forse migliaia – di persone con lui, per i suoi stessi motivi oppure perché non hanno avuto possibilità di scelta.

L’egoismo e la vanagloria di persone come lui – campioni del sacrificio, ‘eroi’ – non hanno limiti: essi abbandonerebbero ogni cosa, materiale e morale, pur di far sì che noi ci ricordiamo i loro nomi.
Già. L’importante è ‘come’ li ricordiamo.

È una scrittura un po’ puerile anche rispetto a quella che ho adottato per questo blog, lo so bene. E poi la risposta non tiene conto dell’ambito culturale in cui venne scritta l’Iliade. Ma è comunque un modo di pensare diverso dal solito! Già la consegna, tra l’altro, indirizzava verso l’opinione opposta.

Oggi, sebbene creda negli stessi principi, l’esercizio mi verrebbe molto più banale: direi subito che l’Iliade si ispira ai valori vigenti fra i Greci del XIII – VIII secolo a.C., parlerei della morte per la gloria imperitura e non per la patria, della concezione di eroismo, eccetera eccetera. In sintesi, sarei molto più noiosa e pedante e sapientina, pur di fare un’analisi completa. Ma concluderei dicendo che Ettore è ugualmente nel torto, indipendentemente dall’opinione pubblica dell’epoca!

Come disse la prof migliore del mondo, la mia opinione è ‘ben strutturata, anche se non condivisibile’.

Advertisements

2 thoughts on “Compito per casa

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...